Visite dal 15/12/2011

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi746
mod_vvisit_counterIeri2123
mod_vvisit_counterQuesta settimana6294
mod_vvisit_counterUltima settimana12925
mod_vvisit_counterQuesto mese26669
mod_vvisit_counterUltimo mese41610
mod_vvisit_counterVisite totali4010980

We have: 38 guests online
Your IP: 54.224.56.126
 , 
Oggi: 18 Ottobre 2018

ORA ESATTA

Fai una donazione

Grazie per il vostro contributo!

Enter Amount:

Sito registrato in


Login



Currency:
Amount:
Home Chi siamo

La nascita dell’associazione PASSO dopo PASSO è scaturita da un'esigenza per il nostro territorio di inglobare una serie di iniziative, alcune già esistenti (Redazione Il Palistro e la Torre, Compagnie Teatrali Il Palistro e NOVItà) e altre nuove, in un unico motore propulsore che tende a raggiungere lo stesso obiettivo: camminare, conformando le nostre coscienze a Cristo. Il nome e il logo (realizzato da Lucia Guida) esprimono bene questo progetto comune e cristiano fatto “passo dopo passo”, un cammino di condivisione e collaborazione, di momenti di preghiera e di gioco. Il 1 novembre 2009, sotto la protezione di tutti i santi, un gruppo di persone hanno condiviso e sottoscritto l’atto costitutivo e lo statuto per dare vita all’associazione PASSO dopo PASSO, per il territorio di Novi Velia e di Ceraso. L’associazione affiliata all’ANSPI (Associazione Nazionale S. Paolo Italia per gli oratori e i Circoli giovanili) è un oratorio a tutti gli effetti.

Dopo la registrazione all’ufficio delle entrate abbiamo trasmesso tutta la documentazione all’ufficio nazionale degli oratori, tramite il nostro responsabile di zona, don Loreto, che ringraziamo per l’incoraggiamento e per il supporto e ora siamo in attesa di ricevere l’atto di affiliazione e le tessere degli iscritti. In tale associazione confluiscono tutte le attività del nostro territorio effettuate in questi anni, servendoci dei vari enti di servizio dell’ANSPI: il teatro, questo giornale e da ultimo le attività oratoriali, partite da poco ma già fattive (calcio, pallavolo, decoupage, ballo, teatro, canto e cucito). Per qualcuno l’oratorio è il luogo dove poter intrattenere i ragazzi con giochi, “l’importante è che non stiano per strada”; per qualcun altro è il luogo dove si fa catechesi e si celebra qualche liturgia, “perché oratorio significa luogo dove si prega”; per altri ancora … “è qualcosa di più complesso”. In effetti l’oratorio non può ridursi né a sala giochi, né ad aula di catechismo, ma ad un ambiente educativo. Il papa Giovanni Paolo II, rilanciando l’oratorio lo ha definito “ponte tra la Chiesa e la strada” soprattutto per coinvolgere i lontani e quelli che vivono un disagio.

Sicuramente conosciamo qualche esempio di oratori del passato, penso all’esperienza di don Bosco, il suo metodo era la sua persona stessa, così impastata di carità amorevole e sollecita, capace di aprire efficaci canali comunicativi e suscitare affetto e disponibilità verso i ragazzi e i giovani.

La nostra esperienza non vuole togliere terreno a nessuno, visto che molte attività sono portate avanti anche da altri enti, ma tende ad orientare le coscienze dei nostri ragazzi in uno spirito non solo umano, culturale ma anche cristiano. Le nostre attività, che iniziano sempre con la preghiera, sono momenti di formazione, si alternano ogni 15 giorni con “il catechismo”, diventando una catechesi continua. Abbiamo cambiato nella forma ma non vogliamo cambiare nella sostanza. Siamo impegnati per educare, tirando fuori dai ragazzi non solo le loro qualità e capacità sportive e creative ma tutto il positivo e il bene che c’è. Oltre ai soci fondatori, coinvolti all’inizio, referenti di ogni comunità e già impegnati in diverse attività parrocchiali, tutti possono iscriversi e collaborare a questo progetto. Attualmente sono iscritti già circa 200 soci tra bambini, ragazzi, genitori e volontari. Con la quota annuale è un contributo orientativo per la tessera che comporta una assicurazione e i vantaggi dell’ANSPI collegata nello sport anche al CONI (Federazioni Sportive Nazionali).

Possiamo collaborare a questo progetto anche destinando tramite la dichiarazione dei redditi oltre all’8xmille da sottoscrivere alla Chiesa Cattolica anche il 5xmille da destinare direttamente alla nostra associazione oratoriale riportando il nostro numero di codice fiscale: 93020180654 oppure utilizzando il numero di conto corrente del giornale specificando nella causale il motivo.

Però, per la buona riuscita di questo progetto è fondamentale la collaborazione fattiva e serena di tutti, aperta al confronto e al dialogo, ispirata ai valori cristiani, così da favorire, “passo dopo passo” una crescita spirituale di ognuno.

don Aniello Panzariello

Share/Save/Bookmark